Ruben Minuto – il suo nuovo album intitolato “The Larsen’s session”

Evrapress Magazine

Attualità, Moda, Eventi, Sport nel mondo

Music

Ruben Minuto – il suo nuovo album intitolato “The Larsen’s session”

Più passa il tempo ed osservo le cose di questo pazzo mondo, più mi faccio persuaso che vi siano degli uomini che si trovano a vivere delle vite “non proprie”. Mi spiego meglio. Penso che vi siano delle persone che, per fato avverso o pendenze karmiche, vivano una dimensione che non gli appartiene, completamente decentrata rispetto a ciò che sono nella realtà. Sicuramente è quello che accade a Ruben Minuto, portentoso songwriter e bluesman d’eccezione. Sono stra-certo che il nome dirà poco o niente al grande pubblico, eppure, giusto per darvi la caratura dell’artista, basti pensare che è stato uno dei pochissimi artisti italiani (se non l’unico) ad esibirsi all’ Owensboro Bluegrass Ibma Festival nel 2001 ed al Festival Blues di Chicago nel 2008 (anno in cui è stato votato dal Chicago Blues Magazine “Artist of the Week”).

E’ uscito il suo nuovo album, intitolato “The Larsen’s session”. Lo abbiamo ascoltato e la sensazione di cui vi parlavamo in apertura è davvero forte. Nelle 10 tracce, registrate rigorosamente dal vivo, c’è un raro condensato di suono e liriche, magari semplici, magari estremamente di maniera, ma assolutamente non banali e non scevre di pura poesia.

Questo disco ci conferma che se Ruben non fosse nato a Milano, ma magari avesse avuto i natali a Chicago o New Orleans, l’intero flusso della sua vita sarebbe potuto essere più coerente con la sua stessa natura. Per carità, non conosciamo Ruben personalmente e di certo sarà persona felice della sua vita e, pienamente realizzato, non vivrà il rimpianto di non essere diventato il Bluesman di successo che queste meravigliose 10 tracce dimostrano avrebbe potuto essere.

Eppure è tanto straripante la classe cristallina del signor Minuto che, nel personalissimo immaginario di chi scrive, faccio fatica a non accostarlo ai grandi del panorama del funky-blues americano. Persino quando si confronta con cover di pezzi già noti dimostra di avere una tale personalità da piegarli al suo suono e di renderli, se possibile, assolutamente personali. E’ quello che succede, ad esempio, con il traditional bluegrass “Molly & Tenbrooks”, completamente reinterpretato in funzione del testo originale, con la rivisitazione tra Alt.Country e gospel della hit di John Travolta & Olivia Newton-John “You’re The One That I Want” direttamente dal film “Grease” (protagonista, di recente, di una feroce quanto, reputiamo, sterile polemica) ed infine, con la malinconica versione hawaiian style del classico di Jimmie Rodgers “Why Should I Be So Lonely”, con tanto di lapsteel e yodel.

Con questo lavoro, ci lascia senza fiato Ruben Minuto. Se non si è capito, il consiglio è (quando si potrà) di correre ai suoi live e godere della sua preziosa arte e, se non è originario della Georgia, chi se ne frega!

Link per l’ascolto:

https://deltapromotion.bandcamp.com/album/the-larsens-sessions-live-in-studio

Chaos Author
×
Chaos Author
Latest Posts

Lascia un commento

instagram default popup image round
Follow Me
502k 100k 3 month ago
Share